1. Contenuto della pagina
  2. Menu principale di navigazione
  3. Menu di sezione

Centro per l'impiego della provincia di Campobasso - Homepage

Logo CPI Povincia di Campobasso

Contenuto della pagina

La Consigliera di Parità - Archivio Progetti

Archivio Progetti - Ufficio Consigliera di Parità Provinciale

 

Progetto Youth at work 
La Consigliera di Parità ha contribuito all'organizzazione del suddetto progetto, che si propone come obiettivo generale quello di porre in atto una serie di interventi nell'ambito delle politiche giovanili per favorire una maggiore conoscenza e partecipazione dei giovani alla società civile, favorendo in particolare l'orientamento professionale e l'inserimento lavorativo dei giovani di età compresa tra i 18 e i 19 anni. L'Ufficio della Consigliera di Parità ha partecipato alle attività progettuali con due seminari di orientamento tenutisi tra febbraio e marzo, su un tema di fondamentale importanza e di grande attualità: le pari opportunità tra le differenze di genere. Uomini e donne sono diversi ma, seppur lentamente, stanno acquistando eguali diritti e doveri; nelle loro differenze sostanziali, che devono essere valorizzate, si possono trovare punti di comunione. E' anche vero che grandi passi avanti sono stati fatti per garantire pari dignità tanto alle donne quanto agli uomini e le chiavi di lettura dei temi affrontati, sono stati dei più svariati: si passa dalla sessualità al rapporto tra gender, alla condizione della donna, alla conoscenza delle leggi in campo lavorativo e sociale. Ed inoltre ha anche organizzato in collaborazione con l'associazione FIDAPA, un'attività di cineforum per scatenare dibattiti e riflessioni sulla problematica del lavoro precario e un convegno finale sul lavoro con la partecipazione di donne che hanno raggiunto posizioni di rilievo in settori lavorativi da sempre considerati prettamente maschili, a testimonianza del fatto che la parità si sta affermando sempre più. Questi appuntamenti, delicatamente chiamati "Incontri in Rosa", hanno riscosso il successo meritato e tutto il gruppo partecipante si è dimostrato interessato ecoinvolto.

 
 

Progetto "Corso di aggiornamento professionale sulle pari opportunità di genere"
La Consigliera di Parità si è fatta promotrice di un percorso formativo finalizzato  a sviluppare sensibilità e attenzione alla differenza di genere nella pratica dell'insegnamento, con particolare riferimento agli aspetti relazionali, comunicativi,didattico-metodologici, contenutistici e dei saperi.

 
 

 

Progetto di orientamento scolastico nella pratica delle pari opportunità
Il corso di formazione si rivolge agli insegnanti di ogni ordine e grado e si propone come obiettivo quello di sviluppare attività di accoglienza e socializzazione di gruppo, di analisi delle motivazioni e delle aspettative per essere in grado di riconoscere meglio gli stereotipi sessuali e di genere e di individuare le forze agenti sociali responsabili della loro trasmissione e del loro consolidamento, di saper individuare e destrutturate gli stereotipi sociali che intervengono nelle scelte formative e professionali degli studentie delle studentesse
La Consigliera di Parità della Provincia di Campobasso in collaborazione con l'Associazione Proteo Fare Sapere promuove e finanzia un corso di formazione sull'orientamento scolastico rivolto ai dirigenti e ai docenti delle scuole di ogni ordine e grado. Il corso daltitolo " L'orientamento scolastico nella pratica delle pari opportunità" ha come obiettivi specifici:
·       saper riconoscere gli stereotipi sessuali e digenere essendo in grado di individuare le forze/agenti sociali responsabilidella loro trasmissione e del loro consolidamento,
·       saper individuare e destrutturare gli stereotipi sociali che intervengono nelle scelte formative e professionali degli studentie delle studentesse,
·       essere in grado di riconoscere, contestualizzaree superare la visione neutrale con cui l'istituzione scolastica pensa e struttura la formazione degli studenti e delle studentesse.

 
 

 

Progetto di orientamento con attenzione al genere "Oltre la differenza"
Il progetto dal titolo"Oltre la differenza" è un percorso complessivo volto a contrastare gli stereotipi di genere e ad offrire maggiori possibilità  occupazionali alle donne. Il progetto nasce anche e soprattutto tenendo in considerazione le esortazioni e gli impegni dell'Unione Europea a favorire la massima apertura digenere al mondo del lavoro e prende in considerazione i pregiudizi che purtroppo ancora sopravvivono nei confronti di alcune istituzioni scolastiche considerate in stretta relazione ai generi.

 
 

 

Progetto "Donne in B&B  e in Agriturismo"
La Consigliera di Parità ha tra le sue funzioni e compiti quello della promozione del lavoro delle donne, in tale ottica e per andare incontro ai bisogni del territorio, ha deciso di organizzare un corso diformazione per operatrici di B&B e Agriturismo al fine di migliorare l'accoglienza nel territorio molisano per valorizzarlo e farlo conoscere.

 
 

 

Progetto "Professione badante" 
Cresce la domanda di assistenti familiari, soprattutto straniere, e lo strumento di reclutamento per eccellenza è il "passaparola" che però può generare una serie di conseguenze negative aggravate dal fatto che riguarda prevalentemente il collocamento di lavoratori stranieri irregolari o clandestini. Alcuni Comuni per agevolare l'incontro tra domanda e offerta lavorativa, rendere più trasparente il rapporto di lavoro, garantire le famiglie nella loro veste di datori di lavoro in termini di professionalità e affidabilità, hanno attivato veri e propri "albi" in cui figurano i nominativi di personale qualificato; altri enti invece hanno organizzato dei corsi di formazione coinvolgendo in taluni progetti università e agenzie di collocamento. In tale quadro, la Consigliera ha promosso un corso di formazione che consenta alle donne extracomunitarie di acquisire maggiori conoscenze sul ruolo che andranno a rivestire.

 
 

 

Progetto "Le ricette della memoria"
La Consigliera di Parità ha predisposto degli opuscoli in cui viene rievocata la cucina del territorio attraverso piatti della tradizione, che si ripropongono puntualmente in alcune occasioni,  con piccoli e nuovi dettagliche arricchiscono o semplificano la formula originaria. Chi di noi non ricordai piatti che cucinavano le nostre nonne e le nostre madri, una cucina povera,semplice, altamente nutriente, i cui profumi ci hanno accompagnato. Con il passare degli anni la società ci impone ritmi sempre più frenetici che hanno variato il nostro stile di vita.
Da questa condizione nasce l'esigenza di rivalutare la nostra antica cucina, diventata un valore quasi desueto. L'importanza di non dimenticare è tale che non a caso l'UNESCO, di recente, ha espresso parere favorevole all'iscrizione della dieta mediterranea nella lista delle tradizioni considerata patrimonio mondiale immateriale dell'umanità. E' per questo che nasce il progetto delle "ricette della memoria che è stato realizzato in collaborazione tra la Banca del Tempo "GENERAZIONI IN TEMPO" e le ospiti della residenza per anziani "OPERA SERENA". Questa incredibile esperienza ha arricchito tutti noi. Siamo state accolte dalle "nonne", che ringraziamo di cuore, con grande disponibilità e simpatia e, man mano che si andava avanti congli incontri, il desiderio di trasmettere le proprie conoscenze si accentuava sempre più e cresceva la collaborazione per l'individuazione della ricetta migliore. Alla fine eravamo diventati un gruppo che aveva creato relazione trai componenti e che tendeva alla stessa finalità, compresa la cuoca, che sperimentava le ricette prescelte e tutti gli operatori della struttura che ci hanno affiancato in modo egregio. E' con spirito autentico che vorrei fosse accolto questo opuscolo, affinché, insieme alla salvaguardia di queste importanti tradizioni, possa scaturire un nuovo stile di vita per i nostrifigli fatto di solidarietà e recupero dei valori antichi.

 
 

 

Tirocini formativi
 
La Consigliera ha attivato presso il suo ufficio due percorsi di tirocinio formativo finalizzati ad accrescere le competenze espendibili sul mercato del lavoro attraverso varie attività:
 
- Attività di informazione e di promozione sul ruolo e sui compiti che la Consigliera di Parità svolge sul territorio provinciale anche attraverso la realizzazione di materiale cartaceo;
- Attivazione delle procedure amministrative: determinazioni dirigenziali di affidamento per servizi complementari, determine di liquidazione, note dirigenziali;
- Organizzazione e attuazione convegni e manifestazioni Monitoraggio dei fondi amministrati dalla Consigliera;
- Partecipazione attiva agli incontri con Enti, Istituzioni, Associazioni e Organismi con cui la Consigliera di Parità ha creato una rete per lo sviluppo di azioni positive;
- Stesura di Protocolli d'Intesa.


 

Sportello Donna
 
La Consigliera si è attivata proficuamente per l'attivazione di due punti informativi denominati "Sportello Donna", al fine di supportare le attività di informazione e sostegno alle politiche di genere e di pari opportunità, di orientamento di primo livello e gestione di un centro di documentazione sulle politiche di genere.
Diffusione e promozione della cultura della Parità attraverso attività di informazione, orientamento di primo livello con lo scopo di portare a conoscenza tutte le donne dei diritti che  possiedono e  a cui possono e devono far riferimento nelle situazioni di discriminazione sul lavoro.
Lo Sportello Donna si prefigge inoltre l'obiettivo di  fare un'analisi,mediante la creazione di banche dati, dell'occupazione femminile sul territorio provinciale, riservando particolare attenzione all'aspetto dell'imprenditorialità femminile e approfondendo lo studio delle diverse agevolazioni riservate alle donne che intendono avviare un'attività autonoma,dalle istituzioni statali e locali.
Si propone, poi, di affrontare in un contesto concreto la tematica della partecipazione femminile al processo decisionale politico e a questo fine ha intenzione di promuovere iniziative e  progetti che ci rendano maggiormente consapevoli sui ruoli e sulle funzioni svolte dalle Istituzioni e dagli Organismi di Parità. Il suddetto Sportello si è fatto anche promotore di un progetto complessivo finalizzato a contrastare gli stereotipi di genere e nello stesso tempo ad offrire maggiori possibilità occupazionali alle donne favorendo così l'inserimento delle donne in attività ed in settori professionali nei quali sono sottorappresentate. Mediante l'attuazione di più Protocolli d'Intesa(es. con  le Organizzazioni Sindacali,con l'Assessorato al Lavoro, con la Direzione Provincialedel Lavoro) sono stati raggiunti diversi obiettivi, quali: la rilevazione delle situazioni di squilibrio di genere al fine di svolgere le funzioni promozionali e di garanzia contro le discriminazioni; la promozione e progettazione di piani di azioni positive che sostengano e favoriscano la conciliazione della vita lavorativa con la vita personale e familiare. Inoltre l'attività dello Sportello ha posto particolare attenzione anche all'attuazione di interventi finalizzati alla occupabilità, all'occupazione e alla formazione femminile individuando interventi mirati per target specifici, come il corso per operatrici di B&B e il corso per badanti.

 

Menu di sezione

Contact Center - 840704704

Promuove